Sicurezza per lo svolgimento di lavori su alberi con funi

 

Pubblicata la circolare n. 23 del 22 luglio 2016 con le linee guida di INAIL per l’esecuzione in sicurezza di lavori su alberi con funi.

Il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha emanato la circolare n. 23 del 22 luglio 2016 allo scopo di divulgare le “Istruzioni per l’esecuzione in sicurezza di lavori su alberi con funi”.

Fornire un utile strumento operativo per tutti gli operatori del settore. E’ questo lo scopo delle nuove Istruzioni per l’esecuzione in sicurezza di lavori su alberi con funi, che illustrano e chiariscono le disposizioni contenute nel decreto legislativo 81 del 2008 e sue modifiche.

I lavori su alberi possono esporre gli operatori addetti a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. In particolare, ci si riferisce al rischio di caduta dall’alto che purtroppo determina ogni anno un significativo numero di infortuni con conseguenze spesso mortali. Il fenomeno in tutta la sua gravità è emerso dallo studio svolto dall’Osservatorio sugli infortuni mortali e gravi nel settore agricolo e forestale, curato dal settore ricerca dell’Inail, che nello svolgimento delle relative attività utili a rilevare ed elaborare le informazioni riguardanti gli infortuni occorsi a tutti i lavoratori del settore d’interesse – ivi compresi quelli per i quali non ricorre la tutela assicurativa dell’Inail – si avvale delle segnalazioni degli Organi di sorveglianza territoriale (Ausl), nonché della consultazione dei principali mezzi di informazione (quotidiani ed agenzie di stampa).

 

I dati dell’Osservatorio, pur non essendo esaustivi del fenomeno infortunistico in agricoltura possono fornire una panoramica generale degli infortuni occorsi anche fuori dall’attività lavorativa principale. In particolare, i dati estratti relativi ai lavori su alberi, hanno mostrato come nel corso del 2015 sono stati registrati 38 eventi infortunistici determinati da cadute da alberi, dei quali 11 hanno avuto conseguenze letali. È evidente che molti di questi infortuni, hanno coinvolto soggetti non esperti, mentre svolgevano operazioni di raccolta di frutti o potatura di alberi, in palese non ottemperanza alle disposizioni previste nel decreto legislativo 81 del 2008.

 

Per questo, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha emanato la circolare n. 23 del 22 luglio 2016 allo scopo di divulgare le Istruzioni, con l’intento di illustrare adeguate misure di sicurezza per lo svolgimento di lavori su alberi, di accesso e posizionamento mediante funi e di fornire informazioni per la corretta scelta e uso dei dispositivi di protezione individuale e delle attrezzature di lavoro.

 

Istruzioni per l’esecuzione in sicurezza di lavori su alberi con funi

Un gruppo di lavoro ad hoc istituito presso l’Inail ha elaborato specifiche istruzioni con l’intento di illustrare le misure di sicurezza per lo svolgimento di lavori su alberi nel caso di accesso e posizionamento mediante funi, e di fornire informazioni per la scelta orientata dei dispositivi di protezione individuale e delle attrezzature di lavoro.

 

I lavori su alberi possono esporre gli operatori addetti a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. In particolare, ci si riferisce al rischio di caduta dall’alto che purtroppo determina ogni anno un significativo numero di infortuni con conseguenze spesso mortali.

 

Il fenomeno in tutta la sua gravità è emerso dallo studio svolto dall’Osservatorio sugli infortuni mortali e gravi nel settore agricolo e forestale, curato dal settore ricerca dell’Inail che, nello svolgimento delle relative attività utili a rilevare ed elaborare le informazioni riguardanti gli infortuni occorsi a tutti i lavoratori del settore d’interesse – ivi compresi quelli per i quali non ricorre la tutela assicurativa dell’Inail – si avvale delle segnalazioni degli Organi di sorveglianza territoriale (Ausl), nonché della consultazione dei principali mezzi di informazione (quotidiani ed agenzie di stampa).

 

Pertanto, i dati dell’Osservatorio, pur non essendo esaustivi del fenomeno infortunistico in agricoltura – in quanto la modalità di rilevazione dei dati non discende da denunce a carattere obbligatorio – possono fornire una panoramica generale degli infortuni occorsi anche fuori dall’attività lavorativa principale.

 

In particolare, i dati estratti relativi ai lavori su alberi, hanno mostrato come nel corso del 2015 sono stati registrati 38 eventi infortunistici determinati da cadute da alberi, dei quali 11 hanno avuto conseguenze letali. È evidente che molti di questi infortuni hanno coinvolto soggetti non esperti e mentre svolgevano operazioni di raccolta di frutti o potatura di alberi in palese non ottemperanza alle disposizioni previste nel Capo II del Titolo del d.lgs. 81/2008.

 

Nasce pertanto l’esigenza di condurre approfondite analisi del fenomeno per definire compiutamente il complesso degli elementi che concorrono ad una corretta gestione dei rischi, tenendo evidentemente ben presente la netta distinzione fra quello che è l’uso scorretto ragionevolmente prevedibile e le vere situazioni di rischio che si generano nelle lavorazioni in quota su alberi. Esistono infatti alcune problematiche che risultano difficilmente risolvibili se la gestione del rischio prescinde dalle condizioni operative di svolgimento del lavoro. È necessario considerare attentamente i vincoli tipici delle lavorazioni sugli alberi che intervengono alterando in maniera determinante le condizioni di lavoro e generando situazioni di rischio per la sicurezza e la salute degli operatori non sempre uniformabili e riconducibili a quelle, ad esempio, dei lavori in quota nel settore delle costruzioni. L’analisi dettagliata delle variabili operative tipiche dei lavori su alberi è un elemento imprescindibile ai fini della corretta gestione del rischio, dell’identificazione e dell’uso dei dispositivi di sicurezza e di protezione necessari, nonché della messa a punto di procedure comportamentali.

 

Data la problematica, un gruppo di lavoro ad hoc istituito presso l’Inail ha elaborato le specifiche istruzioni con l’intento di illustrare le misure di sicurezza per lo svolgimento di lavori su alberi nel caso di accesso e posizionamento mediante funi, e di fornire informazioni per la scelta orientata dei dispositivi di protezione individuale e delle attrezzature di lavoro.

 

Al gruppo di lavoro hanno partecipato il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il coordinamento tecnico delle Regioni, i rappresentanti delle principali associazioni datoriali e sindacali di settore, esperti del mondo accademico e degli enti formatori.

 

Dette istruzioni, la cui applicazione assume carattere volontario, non si sostituiscono a quanto disposto nel già richiamato Capo II del Titolo del d.lgs. 81/2008, rappresentando un utile atto di indirizzo per i soggetti obbligati.

 

Fonte: INAIL


Cosa dovete sapere sul braccialetto elettronico

 

Aggiornare le proprie conoscenze e la propria professionalità in merito ai braccialetti elettronici, che vengono applicati a soggetti criminosi, che devono essere tenuti sotto stretto controllo, senza però essere rinchiusi in una galera. Di A. Biasiotti.

Un professionista della security ha il dovere di essere aggiornato su un gran numero di temi, per vari motivi: ad esempio, egli può essere soggetto cui terze persone ricorrono per avere chiarimenti ed informazioni aggiornate corrette su determinati temi, afferenti ad attività criminose o più in generale a problemi di sicurezza anticrimine. Ecco perché ritengo che sia opportuno offrire un aggiornamento sul tema, di cui ogni tanto le cronache danno notizia: il braccialetto elettronico.

Tanto per cominciare, non siamo affatto davanti ad un braccialetto, ma siamo davanti ad una cavigliera. Non ho mai capito il motivo per cui i giornalisti parlino sempre di braccialetti, inducendo in errore i lettori. Il motivo per cui, invece di un braccialetto, si usa una cavigliera è evidente: una cavigliera è normalmente coperta dalla gamba di un calzone e quindi è molto meno visibile. Siccome l’obiettivo della cavigliera elettroniche quella di consentire un certo grado di movimento al soggetto sotto controllo, il fatto di venire a contatto con terze persone mettendo in bella mostra un braccialetto certamente può essere molto più imbarazzante, rispetto all’uso di una ben più discreta cavigliera.

Un’altra notizia che frequentemente si legge sui giornali, in merito a questi apparati, riguarda il costo straordinariamente elevato di questi apparati, che sembrano essere forniti da un unico fornitore, che forse approfitta di questa posizione di rilievo.

In altri paesi, e soprattutto nel paese che per primo ha adottato questo mezzo di controllo, vale a dire gli Stati Uniti, vi sono parecchi fornitori concorrenza fra di loro, che ha portato alla messa sul mercato di apparecchiature di ottimo livello e di costo contenuto.

Infine, un elemento che ha qualificato il mercato è legato al fatto che negli Stati Uniti è stata pubblicata una normativa, che offrono ai lettori in allegato, che specifica in maniera oggettiva ed accurata tutte le caratteristiche tecniche di questo apparato.

Purtroppo in Italia il processo che ha portato all’acquisizione di questo apparato è stato completamente diverso da quello adottato negli Stati Uniti e la qualità e l’affidabilità del prodotto oggi utilizzato in Italia, per non parlare del prezzo, non sembrano essere sottoposte a oggettivi ed accurate verifiche in contraddittorio tra il fornitore e l’acquirente, vale a dire lo Stato.

 

Se lo Stato italiano deciderà mai di acquistare questi prodotti, facendo riferimento ad un capitolato di gara, tecnicamente valido e oggettivamente verificabile, mi mettono gratuitamente a disposizione per la traduzione della norma americana!

 

Conoscendo bene la passione per gli acronimi degli americani, e degli anglosassoni in genere, la cavigliera elettronica viene correntemente chiamata OTS-offender tracking system.

Di questi apparati vene sono decine di migliaia in funzione in tutti gli Stati Uniti e la loro efficienza ed efficacia è oggi confermata dal fatto che essi sono tutti corrispondenti ad una normativa federale, emessa dal National Institute of Justice (NIJ). Alla stesura della normativa hanno dato il loro contributo tutti gli esperti di polizia, di telecomunicazioni, di security, di telefonia cellulare, di GPS e via dicendo e posso assicurarvi che la norma scaturita è decisamente ben fatta.

Particolare attenzione è stata posta ad una area, che richiama subito l’attenzione di tutti gli specialisti di sicurezza: bello l’apparato, ma sarà possibile neutralizzarlo? A questo tema sono dedicate numerose pagine di questa norma.

Cominciamo con una definizione:

    • un Offender Tracking System (OTS) non è tanto un apparato, quanto una tecnologia, composta di hardware e software, progettata per individuare la posizione geografica di un soggetto, e trasferirla ad intervalli programmati ad un ente  incaricato della supervisione del funzionamento di questo apparato e del monitoraggio dei movimenti del soggetto sotto controllo.

 

Questo apparato è disponibile in due diverse versioni.

Nella versione monoblocco, alla gamba del soggetto sotto controllo viene applicato un apparato, che incorpora il dispositivo di localizzazione, l’apparato di comunicazione, la batteria, nonché strumenti meccanici che permettono di fissare in modo sicuro la cavigliera al soggetto, dando un allarme in caso di tentativo di violazione.

Nella versione a due blocchi, l’apparato è composto di due diverse unità. Un’unità è attaccata al corpo del soggetto e l’altra è invece da esso separata. I componenti della cavigliera attaccata alla gamba includono il trasmettitore e ricevitore, una batteria e gli strumenti di fissaggio debitamente protetti.

La seconda unità contiene invece il dispositivo GPS, gli apparati di comunicazione, una batteria ed altri segnalatori di funzionamento.

 

Il dispositivo viene progettato per lanciare un allarme quando si verificano alcune circostanze. Come regola generale, si considera allarme una segnalazione all’ente di controllo che il soggetto in questione sta sviluppando un’attività di diretto interesse per il controllore, come ad esempio una violazione della zona nella quale egli si poteva spostare oppure un tentativo di sabotaggio. Un’altra segnalazione di allarme potrebbe far riferimento, ad esempio, ad un segnale di batteria in esaurimento.

La ricezione di queste segnalazioni deve attivare delle procedure, che l’ente controllore ha stabilito in precedenza e che devono essere note al soggetto controllato.

 

Come accennato in precedenza, ampio spazio è dedicato, nella norma, alla individuazione e alla messa sotto controllo di tecniche che possono neutralizzare l’efficienza ed efficacia della cavigliera elettronica.

Una delle tecniche di attacco più diffuse evidentemente è quella di cercare di tagliare la cavigliera.

Un’altra tecnica di attacco  più subdola è quella di stressare il tessuto, di cui la cavigliera è fatta, in modo da consentire di sfilare la cavigliera dalla gamba del soggetto. La norma prende in considerazione entrambe queste eventualità e impone che tentativi di attacco con queste due procedure vengano immediatamente segnalati all’ente di controllo.

La norma prende anche in considerazione numerose altre possibilità di attacco, come ad esempio il tentativo di disturbare la ricezione del segnale GPS o del segnale GSM, con tecniche di jamming.

La lettura della norma è oltremodo interessante, perché è facile evidenziare come essa sia frutto delle esperienze negative accumulate negli anni da chi ha utilizzato apparati, prodotti in precedenza, che non erano sufficientemente evoluti per tenere sotto controllo questi fenomeni.

Per illustrare in dettaglio quanto sia accurata rielaborazione della norma, faccio presente che un tentativo di rimozione della cavigliera, mediante taglio della stessa, deve generare un allarme, con annesse coordinate GPS, dopo non più di cinque secondi dalla registrazione del taglio. Se invece il tentativo di attacco è perpetrato mediante tentativo di allungamento artificiale della cavigliera, un allarme deve essere generato quando la cavigliera si allunga di più del 10 percento della sua lunghezza standard.

 

 

Adalberto Biasiotti


Rischio scavi: i sistemi provvisionali di sostegno e protezione

 

Un documento presenta le attività di movimento terra correlate alle opere di fondazione. La realizzazione di sistemi provvisionali di sostegno e protezione: sistemi metallici di puntellamento e armature per terreni coerenti e granulari.

Napoli, 3 Ago – Nelle scorse settimane abbiamo affrontato il tema degli  scavi per le opere di fondazione con riferimento ai rischi per gli operatori e alla possibilità di ridurre i rischi. E abbiamo sottolineato che “importanza prioritaria va attribuita ai provvedimenti d’ordine tecnico-organizzativo diretti ad eliminare o ridurre sufficientemente i pericoli alla fonte ed a proteggere i lavoratori mediante mezzi di protezione collettivi”.

 

A ricordarcelo è il contenuto di alcuni materiali didattici, in materia di “Organizzazione del cantiere”, pubblicati sul sito web del Dipartimento Ingegneria Civile Edile Ambientale dell’ Università degli Studi di Napoli Federico II e a cura del Prof. Fabrizio Leccisi.

In “Il tracciamento delle fondazioni. Le operazioni di scavo. Trasporto a rifiuto di terre e rocce di scavo. Esecuzione delle fondazioni” si sottolinea che nelle operazioni di scavo per la tutela della sicurezza delle persone (e degli “eventuali manufatti adiacenti” agli scavi) vanno realizzate “opere di sostegno delle pareti dello scavo, provvisorie o permanenti”.

 

Ci soffermiamo oggi proprio sullarealizzazione di sistemi provvisionali di sostegno e protezione.

 

I lavoratori che operano all’interno dello scavo devono essere, dunque, “sempre protetti dalla possibile caduta di terreno, detriti o frammenti di roccia che si possono staccare dalle pareti dello scavo stesso”.

E i vari sistemi provvisionali di sostegno e di protezione “devono garantire la resistenza alla sollecitazioni provocate da:

– pressione del terreno;

– strutture adiacenti lo scavo;

– carichi addizionali e vibrazioni (materiale in deposito, traffico di automezzi, ecc.).

La scelta del tipo di armatura e del materiale da utilizzare dipende principalmente:

– dalla natura del terreno;

– dal contesto ambientale;

– dal tipologia di scavo da eseguire”.

 

Il documento riporta indicazioni per l’armatura per scavi in terreni coerenti.

 

Infatti nell’esecuzione di scavi in terreni coerenti si possono presentare due casi:

terreni con sufficiente coesione: in questo caso, “quando lo scavo non è realizzabile in sicurezza fino alla profondità voluta, si procede parzialmente con lo scavo fino a 80-120 cm, si dispone l’armatura e si continua successivamente in maniera analoga fino alla profondità richiesta”;

terreni con buona coesione: in questo caso è “sufficiente installare dei pannelli di legno, contro le pareti dello scavo, di altezza tale da sbordare il ciglio, da fissare poi a puntoni di legno provvisori: successivamente è consentito agli addetti la discesa in trincea ed il posizionamento degli elementi di contrasto definitivi”.

Si ricorda poi che l’installazione dell’armatura di protezione “deve essere effettuata dall’alto verso il basso, i puntoni posti in basso vanno collocati ad una distanza massima di 20 cm dal fondo dello scavo ed i successivi secondo quanto previsto dal progetto. In caso di utilizzo di un pannello di legno o di acciaio tra armatura e parete, il puntone deve essere collocato sull’elemento verticale che lo sostiene e non direttamente sul pannello. Con questa tipologia di armatura è necessario installare almeno 2 puntoni per ogni coppia i montanti verticali. Dopo aver installato il primo puntone in alto, si può procedere alla sistemazione del secondo puntone posto in basso”.

 

Veniamo al caso dell’armatura per scavi in terreni granulari.

 

Il documento indica che “quando sono presenti terreni in cui non è possibile scavare senza possibili cedimenti o scavi in zone urbane ove si deve evitare qualsiasi depressione nel terreno,  si deve utilizzare una procedura specifica armatura a marciavanti che prevede:

– lo scavo per circa 80 cm con le pareti verticali aventi una leggera inclinazione verso l’esterno dello scavo;

– l’infissione nel terreno delle armature;

– l’installazione di puntoni di contrasto;

– il proseguimento dello scavo secondo le modalità precedenti realizzando un secondo modulo di armatura con la stessa inclinazione di quella precedente fino alla profondità richiesta”.

Si segnala che con tale metodologia “si possono effettuare scavi relativamente profondi e la realizzazione deve essere eseguita a regola d’arte con attrezzature dedicate e personale specializzato”.

 

Riguardo poi alla rimozione dell’armatura di sostegno delle pareti dello scavo si “deve tenere conto di quanto segue:

– il disarmo deve procedere dal basso verso l’alto;

– la procedura di rimozione deve indicare sequenze ed accorgimenti tali da proteggere sempre il lavoratore che si trova dentro lo scavo;

– quando viene rilevata una pressione del terreno sul sistema di protezione dello scavo, prima si deve procedere al riempimento dello scavo e successivamente alla rimozione dei puntoni e dei montanti;

– il disarmo deve essere effettuato possibilmente con le stesse maestranze che hanno installato l’armatura, per poter verificare, rispetto alla fase di installazione, se sono sopraggiunte nuove condizioni di rischio”.

 

Concludiamo ricordando la tipologia di sistemi metallici di puntellamento per scavi.

 

Si segnala che è la norma UNI EN 13331-1 a specificare i requisiti per sistemi metallici di puntellazione per scavi, norma che riporta materiali, requisiti costruttivi e strutturali.

Queste le quattro tipologie di sistemi metallici di puntellamento:

– “Sistema di puntellamento per scavi supportato al centro (tipo CS);

– Sistema di puntellamento per scavi supportato ai bordi (tipo ES);

– Sistema di puntellamento per scavi su rotaia di scorrimento (tipo R), singola (RS), doppia (RD) o tripla (RT);

– Sistema di puntellamento per scavi supportato ai bordi da trascinare orizzontalmente: cassa a trascinamento (tipo DB)”.

 

Ricordiamo, infine, che il materiale didattico dell’ Università degli Studi di Napoli Federico II – che vi invitiamo a visionare – riporta ulteriori dettagli sui vari sistemi di puntellamento, sulle tipologie di puntelli, sui sistemi di sostegno e contrasto, sui metodi di posa. E ricorda che “le pareti di scavo, per profondità superiori a 1,50 m, devono essere sempre protette con idonee puntellature. Gli scavi in trincea vanno poi attrezzati con scale a pioli, ancorate stabilmente per consentire agli operatori di lavorare in sicurezza e di risalire agevolmente in caso di pericolo. I bordi dello scavo devono essere protetti da bordi rialzati di almeno 30 cm sul piano di campagna”.

 

RTM


DPI per radiazioni: camici e collari per la protezione del lavoratore

 

La proposta di INAIL per la gestione dei dispositivi di protezione individuale dalla radiazione X per uso medico-diagnostico: una procedura operativa.

E’ disponibile sul sito INAIL il documento “Proposta di procedura per la gestione dei dispositivi di protezione individuale dalla radiazione X per uso medico-diagnostico: camici e collari per la protezione del lavoratore” che intende fornire un valido supporto operativo finalizzato all’espletamento dell’attività di prevenzione e protezione dei lavoratori, da parte di tutte le figure professionali incaricate, nell’ambito di realtà aziendali in cui vi è un rischio professionale rappresentato dall’esposizione a radiazioni x per uso medico-diagnostico.

L’adozione di buone pratiche, la collaborazione tra le diverse figure deputate nonché la standardizzazione di procedure interne, ricoprono un ruolo essenziale nella prevenzione e gestione del rischio ad esso associato.

 Proposta di procedura per la gestione dei dispositivi di protezione individuale dalla radiazione X per uso medico-diagnostico: camici e collari per la protezione del lavoratore

L’impiego diffuso delle radiazioni X ha determinato, nel corso degli anni, la necessità di approfondire gli aspetti legati alla sicurezza e protezione dell’operatore dai rischi connessi al loro utilizzo, favorendo l’evoluzione e la diversificazione dei relativi DPI.

L’evoluzione tecnologica e i problemi, soprattutto ambientali, correlati all’impiego del piombo nella realizzazione dei DPI, hanno fatto sì che quest’ultimo fosse sempre meno presente nel materiale utilizzato come schermo. Attualmente, infatti, vengono impiegati altri materiali quali il bario, il bismuto e l’antimonio, disponibili in mescole sia con basso contenuto di piombo sia totalmente prive di questo elemento. Trattandosi, quindi, di compositi, la classificazione dei dispositivi sulla sola base dello spessore di piombo equivalente, dichiarato per una sola energia, mostra evidenti limiti.

Il peso dei DPI, nonostante gli sforzi fatti per ridurlo, rimane uno dei principali limiti di questi indumenti. Di conseguenza, l’utilizzo prolungato per motivi lavorativi, può causare la comparsa di disturbi negli operatori, in particolare a carico della colonna, ingenerando un possibile problema di salute e sicurezza sul lavoro.

Un’ulteriore problematica legata all’utilizzo di questi dispositivi è il loro deterioramento, ovvero la formazione di fori o crepe che ne riducono l’efficienza. Le indicazioni internazionali, a riguardo, prevedono un controllo periodico dell’integrità dei DPI, mentre la letteratura suggerisce possibili criteri per la loro messa in fuori uso.

I dispositivi di protezione dei lavoratori dalle radiazioni X sono oggetto sia del d.lgs. 81/2008 e s.m.i sia del d.lgs. 230/1995 e s.m.i., per il quale va ricordato quanto sancito dal comma 3 dell’art. 180 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i. nel caso di esposizione a radiazioni ionizzanti la protezione dei lavoratori è disciplinata unicamente dal d.lgs. 230/1995, e s.m.i.

 

Il DL deve, quindi, gestire le problematiche connesse alla materia per mezzo delle figure professionali individuate dalla norma.

Obiettivo di questo documento è quello di proporre al lettore una possibile procedura di gestione che consenta al DL di:

■ garantire una scelta adeguata dei DPI;

■ assicurare la distribuzione, ad ogni lavoratore, dei dispositivi che gli necessitano;

■ verificare periodicamente lo stato ed il corretto uso di quanto fornito.

Il sistema prevenzionistico aziendale risulta, così, ulteriormente potenziato da uno strumento operativo che consente il rispetto dei dettami di legge nonché una chiara ottimizzazione delle risorse economiche investite dall’azienda, con una riduzione degli sprechi e un approvvigionamento più calzante alle sue reali necessità.

 

VALUTAZIONE E GESTIONE DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DALLA RADIAZIONE X PER IL LAVORATORE IN AMBITO SANITARIO

Per definire una proposta di procedura di gestione dei DPI dalla radiazione X per i lavoratori, è necessario individuare le singole fasi del processo e mettere in chiaro il ruolo e le responsabilità che, nelle stesse, rivestono le varie figure professionali coinvolte.

 

ANALISI DEI RISCHI

L’EQ, nell’esercizio della sorveglianza fisica per conto del DL, deve effettuare la valutazione di radioprotezione, di cui all’art. 61 del d.lgs. 230/1995 e s.m.i., e dargli le indicazioni nella attuazione dei compiti di cui al predetto articolo (comma 1 dell’art. 79 del d.lgs. 230/1995 e s.m.i.).

Il DL, i dirigenti e i preposti devono provvedere affinché i lavoratori interessati siano classificati

ai fini della radioprotezione e fornirgli, ove necessari, i mezzi di protezione individuali, in relazione ai rischi cui sono esposti (comma 3 lettere b) e d) dell’art. 61 del d.lgs. 230/1995 e s.m.i.).

In sintesi, quindi, l’EQ nominato dall’azienda deve procedere alla individuazione degli operatori che il DL deve dotare di DPI nonché alla determinazione delle caratteristiche protezionistiche richieste a tali DPI, tenuto conto delle eventuali indicazioni di carattere medico fornite dai medici addetti alla sorveglianza medica dei lavoratori.

Con il termine di DPI dalla radiazione X intendiamo tutti quei presidi individuali adottati al fine di ridurre l’esposizione degli operatori, che effettuano attività con l’impiego di radiazioni ionizzanti, al minimo ragionevolmente ottenibile (ALARA).

Per l’individuazione dei DPI dalla radiazione X si deve tener conto dell’esito dei controlli periodici di radioprotezione e delle esigenze di carattere pratico rappresentate dal lavoratore (che sarà necessario consultare, quando necessario, attraverso il RLS, in fase di scelta dei DPI).

Ogni struttura dovrà avere in dotazione una quantità di DPI sufficiente, sia per numero sia per caratteristiche, a garantire l’adeguato livello di protezione di tutto il personale che può, in base all’organizzazione interna, essere contemporaneamente soggetto a rischio di esposizione a radiazioni ionizzanti. Risultano per questo fondamentali le dichiarazioni rese dal DL e dal dirigente al fine di caratterizzare l’attività e individuare gli operatori coinvolti.

L’EQ incaricato dovrà, quindi, individuare un corredo standard di DPI, di cui devono essere dotati i singoli impianti, che costituirà la base delle sue indicazioni di radioprotezione.

Questo standard dovrà, poi, essere integrato, sia in termini di tipologia sia di numerosità, in considerazione delle caratteristiche specifiche della singola installazione e degli operatori che, presso quell’impianto, operano con uso di radiazioni ionizzanti.

È, inoltre, necessaria un’analisi basata su informazioni non solo qualitative, ma anche quantitative delle condizioni di lavoro (caratteristiche della fonte radiogena, modalità di lavoro, tipo e quantità di attività svolta ecc.), che permetta di valutare adeguatamente l’entità delle possibili dosi assorbite.

Anche in questo ambito è essenziale l’osservazione diretta sul campo tramite sopralluoghi ed incontri nelle varie fasi di lavoro con gli operatori. Può essere utile anche la simulazione mediante esperimenti o studi pilota. Possono altresì essere utilizzate interviste semistrutturate

o questionari dedicati, specie in situazioni con presenza di grandi numeri.

La potenziale esposizione a radiazioni ionizzanti non deve essere analizzata in modo avulso dal contesto ma bensì in maniera integrata con gli altri eventuali fattori di rischio presenti.

Nel corso dei controlli periodici di radioprotezione sarà, poi, verificata l’idoneità dei singoli DPI presenti nonché la coerenza del loro numero e tipologia con le indicazioni dell’EQ.

 


I lavoratori outdoor e il caldo: disidratazione e stress da calore

 

Le linee di indirizzo ministeriali per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute riportano precise indicazioni sulle patologie associate al caldo. Focus su disidratazione, ipernatriemia,  ipovolemia, stress da calore, crampi, edemi e svenimenti.

Roma, 02 Ago – Il rischio da calore, con particolare riferimento alle alte temperature estive, è un rischio da valutare nelle imprese, con maggiore attenzione laddove siano presenti ambienti particolarmente caldi o lavoratori che operano all’aperto ed esposti alle possibili ondate di caldo della stagione estiva.

Ricordiamo a questo proposito che il D.Lgs. 81/2008 indica l’obbligo di valutare ‘tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori’, compresi quelli riguardanti i ‘gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari’ come, ad esempio, i ‘ lavoratori outdoor’ esposti al rischio di danni da calore.

Oltre ai colpi di calore, di cui abbiamo già ampiamente parlato sul nostro giornale in precedenti articoli, quali sono gli effetti del caldo sui lavoratori e sulla popolazione esposta?

 

Per rispondere a queste domande torniamo a sfogliare il documento “Linee di indirizzo per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute”, nella versione aggiornata del mese di marzo 2013. Un documento che contiene un aggiornamento dei contributi elaborati da un gruppo di lavoro istituito dal Ministero della Salute. L’attuale versione  tiene conto anche delle Linee Guida elaborate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO 2008 e 2011) ed è stata realizzata nell’ambito del progetto del Centro Nazionale Prevenzione e Controllo Malattie(CCM), del Ministero della Salute: “Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute”, coordinato dal Dipartimento di Epidemiologia del SSR Lazio.

 

Riguardo alle patologie associate al caldo le linee guida ministeriali non si soffermano solo sul colpo di calore, ma anche su “disidratazione e ipernatremia ipovolemia”.

 

Stiamo parlando della condizione “conseguente a profuse perdite idriche, in genere dovute a sudorazione e iperventilazione, in assenza di adeguato reintegro. Si tratta quindi della disidratazione propriamente detta” che si esprime con i sintomi, specie cardiocircolatori e neurologici, dell’ipovolemia (diminuzione volumetrica del sangue nell’organismo) e dell’ipernatriemia (disturbo caratterizzato da un’elevata concentrazione di sodio nel sangue), ma il suo “tempestivo riconoscimento presuppone la conoscenza di alcuni parametri vitali di base, in particolare della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa abituali. Infatti, la tachicardia e l’ipotensione ortostatica sono i segni di disidratazione più facilmente rilevabili, ma l’ipotensione ortostatica può preesistere al momento della valutazione e, quindi, non rappresentare da sola un segno d’allarme”.

 

Il documento, che vi invitiamo a leggere integralmente, riporta elementi di diagnosi e ricorda i segni e sintomi della disidratazione. Ad esempio tra i sintomi si può annoverare: irritabilità, distraibilità, ipersonnia fino alla letargia, astenia, anoressia, scosse muscolari, … Ma si indica che “naturalmente possono variamente coesistere segni e sintomi del colpo di calore o semplicemente della risposta termoregolatrice quali sudorazione e tachipnea” (aumento della frequenza respiratoria).

 

E che cosa fare nel sospetto di ipernatremia/ipernatriemia ipovolemia?

 

Se possibile si possono effettuare specifici esami – indicati nel documento – del sangue e delle urine per verificare il livello di “ipernatremia ipovolemia”. Peraltro “in presenza di segni e sintomi compatibili con ipovolemia e ipernatremia non bisogna attendere l’esito degli esami, ma cercare di stimolare subito il paziente a bere in abbondanza. Qualora ciò non sia possibile per scarsa collaborazione, ad esempio per deficit cognitivo, o obiettiva difficoltà d’altra origine, può essere effettuata anche l’idratazione per via endovenosa, ove praticabile a domicilio, attenendosi a delle semplici norme” riportate nelle linee guida.

 

Veniamo brevemente ad altri effetti diretti del caldo che si manifestano come sintomi minori:

crampi: “sono causati da uno squilibrio elettrolitico oppure da una carenza di sodio, dovuta alla perdita di liquidi, oppure derivano da una insufficienza venosa spesso associata ad edema alle caviglie”;

stress da calore: “è causato da un collasso dei vasi periferici con un insufficiente apporto di sangue al cervello e si manifesta con un senso di leggero disorientamento, malessere generale, debolezza, nausea, vomito, cefalea, tachicardia ed ipotensione, oliguria, confusione e irritabilità. La temperatura corporea può essere leggermente elevata ed è comunemente è presente una forte sudorazione. La sintomatologia può insorgere durante un’attività fisica in un ambiente eccessivamente caldo, specie in soggetti non acclimatati, con una ridotta efficienza cardiaca (insufficiente compenso in occasione di una diffusa vasodilatazione periferica) a causa di un diminuito volume sanguigno per disidratazione. Se lo stress da calore non viene diagnosticato e trattato immediatamente, può progredire fino al colpo di calore”;

edema: “è la conseguenza di una vasodilatazione periferica prolungata che causa un ristagno di sangue nelle estremità inferiori che, con l’aumento della pressione intravasale, provoca un travaso di liquidi nell’interstizio. Un rimedio semplice ed efficace è tenere le gambe sollevate ed eseguire di tanto in tanto dei movimenti dolci per favorire il reflusso venoso, oppure, effettuare delle docce fredde agli arti inferiori, dal basso verso l’alto e dall’interno verso l’esterno sino alla sommità della coscia”;

lipotimia: “è caratterizzata da un’improvvisa perdita della coscienza. La causa è un calo di pressione arteriosa dovuto al ristagno di sangue nelle zone periferiche con conseguente diminuzione dell’apporto di sangue al cervello. Lo svenimento può essere prevenuto se, ai primi sintomi, quali vertigini, sudore freddo, offuscamento visivo o secchezza delle fauci, si fa assumere al paziente una posizione distesa con le gambe sollevate rispetto al cuore”.

 

Riportiamo una breve tabella – contenuta nelle linee guida – con segni e sintomi di alcune delle patologie dovute al caldo:

unnamed (1)

Concludiamo, infine, che per tutti coloro, ad esempio i lavoratori outdoor, che sono spesso esposti alle radiazioni solari e alle ondate di calore, ci possono essere anche effetti indiretti del caldo.

Gli effetti indiretti possono ad esempio riguardare “l’aggravamento di condizioni patologiche preesistenti; essi rappresentano il risultato dell’incapacità dell’organismo di mettere in atto una risposta omeostatica adeguata, per cause anche molto differenti tra loro”. Si segnala che

“potenzialmente tutte le patologie croniche espongono a un rischio maggiore di mortalità in presenza di condizioni di caldo estremo”.

 

 

 

Ministero della Salute, Centro Nazionale Prevenzione e Controllo Malattie (CCM), “ Linee di indirizzo per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute”, aggiornamento marzo 2013, revisione della versione originale curata da Anna Maria Bargagli, Manuela De Sario, Paola Michelozzi e Simona Vecchi (Dipartimento di Epidemiologia del SSR Lazio), Laura Cialdea e Annamaria de Martino (Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute), Alberto Baldaccini, Giovanni Capobianco e Chiara Imbasciati (UOC Geriatria per Acuti, Ospedale S. Eugenio, ASL RM C, Roma) (formato PDF, 2.95 MB).

 

 

Tiziano Menduto


Prevenzione degli incendi negli edifici scolastici

 

Le vigenti normative di prevenzione degli incendi negli edifici scolastici: la documentazione da rendere disponibile durante le visite ispettive. A cura di Paolo Pieri.

Il Decreto ministeriale del 12 maggio 2016, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n°121 del 25 maggio 2016, riguardante le <<Prescrizioni per  l’attuazione,  con  scadenze  differenziate,  delle vigenti  normative  in  materia  di  prevenzione  degli  incendi  per l’edilizia scolastica>> obbliga sia gli Enti locali proprietari degli edifici scolastici e sia i Dirigenti scolastici, che vi dirigono ed esercitano l’attività scolastica, a revisionare con attenzione  tutte le certificazioni e le documentazioni che sono previste dalla normativa antincendio perché sia garantita la sicurezza in tali edifici.

Le prescrizioni dovranno essere ottemperate secondo delle scadenze differenziate:  la prima scadenza è riferita al 26 agosto 2016 e la seconda al 26 novembre 2016.

Leggendo con attenzione il D.M. del 12 maggio 2016, si può comprendere che le prescrizioni cui si deve ottemperare sono meramente quelle fornite dal datato D.M. 26 agosto 1992, noto tra i consulenti e gli operatori antincendio come ‘la regola tecnica di prevenzione degli incendi negli edifici scolastici’.

Le posizioni di garanzia dei responsabili.

Le posizioni di garanzia dell’Ente proprietario e del Dirigente scolastico non sono però le stesse né per l’ambito generale che riguarda l’applicazione della normativa sulla sicurezza dei lavoratori e dei luoghi di lavoro, ai sensi del D.Lgs.81/08, e né per l’ambito specifico che riguarda la prevenzione degli incendi.

L’Ente proprietario dell’edificio scolastico è tenuto infatti a curare la manutenzione ordinaria e straordinaria, come previsto dall’articolo 3, commi 1 e 2 della Legge n°23/1996 [1], mentre il Dirigente scolastico, individuato come datore di lavoro [2], deve individuare e valutare i rischi e segnalarli all’Ente proprietario, come espressamente indicato per il caso degli edifici scolastici dall’art.18 comma 3 del D.Lgs.81/03 [3]. Ma, come viene opportunamente sottolineato nel ‘Documento di indirizzo per la sicurezza degli edifici scolastici del Piemonte‘, <<si deve invece richiamare l’attenzione sul fatto che l’esonero di responsabilità, previsto dall’ art. 18, comma 3, del D.lgs. 81/08, non opera nel caso di obblighi diversi dagli “interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare la sicurezza dei locali e degli edifici”. Ad esempio, la norma non si estende alle attrezzature di lavoro,(di proprietà della scuola) o agli obblighi di valutazione dei rischi (ivi compresi quelli relativi all’idoneità dei locali).>>.

 

Considerato che il Decreto del 12 maggio 2016 è stato firmato sia dal Ministro degli Interno e sia dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), sarebbe stato ragionevolmente opportuno inserirvi anche il chiarimento delle rispettive responsabilità tra gli Enti proprietari e i Dirigenti scolastici, ai fini degli adeguamenti richiesti.

Il Legislatore non ha del resto mai prodotto il Decreto attuativo del D.Lgs.81/08 per il comparto delle scuole, che avrebbe dovuto e potuto chiarire e sciogliere molti nodi applicativi e interpretativi. L’attribuzione delle responsabilità sembrerebbe quindi lasciata alle libere interpretazioni di parte, che finiscono con l’alimentare il contradditorio invece di risolverlo.

In realtà il Legislatore avrebbe potuto acquisire e legittimare in modo definitivo i pareri forniti dall’Avvocatura dello Stato in merito alla ‘Titolarità degli adempimenti relativi alla sicurezza antincendio negli edifici scolastici’.  Tale parere, noto ormai a livello nazionale, fu generato in seguito ad un contradditorio nato durante un sopralluogo dei VV.F. in un edificio scolastico situato in Provincia di Torino: la Dirigente scolastica che si era vista contestare la mancanza del C.P.I. si rivolse all’Ufficio Scolastico Regionale (U.S.R.) del Piemonte  e all’Osservatorio Regionale per la sicurezza nelle scuole della Regione Piemonte contestando a sua volta fermamente l’ipotesi di multa avanzata dall’Ispettore di turno dei VV.F.. L’U.S.R. del Piemonte rivolse a sua volta all’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Torino la ‘Richiesta di chiarimento sulle attribuzioni di titolarità delle procedure delle pratiche finalizzate all’acquisizione del certificato di prevenzione incendi degli edifici scolastici’ con lettera del 26 aprile 2010, protocollata al n°0004901/U/A35a. L’Avvocatura di Torino rispose e chiese ulteriore parere all’Avvocatura Generale dello Stato con  nota n°27518 CS 2150/2010 Avv. Prinzivalli del 11-08-2010; anche l’Avvocatura Generale dello Stato rispose prontamente, producendo due pareri: il primo in data 13/12/2010 prot. CS 33778/2010 e il secondo in data 15/02/2012  prot. n°55576 P.

Per farla breve, anche dai pareri dell’Avvocatura dello Stato si può desumere che sussista una separazione di competenze per quanto riguarda gli adempimenti ai fini della sicurezza antincendio. Da un lato, gli obblighi di cui al D.P.R. n.151/2011 risultano fare capo al rappresentante pro-tempore dell’Ente Locale proprietario dell’edificio scolastico (Provincia e Comune, gravati, come già sottolineato, dell’obbligo di provvedere alla manutenzione ordinaria, straordinaria e impiantistica degli edifici adibiti a scuola, ai sensi dell’art.3,comma 1, L.23/96). Dall’altro, il Dirigente scolastico (titolare dell’attività scolastica con riferimento al concreto esercizio dell’attività medesima) viene indicato come il destinatario degli obblighi di cui al D.Lgs. 81/2008, in quanto titolare della qualifica di datore di lavoro. Su quest’ultimo grava quindi solo l’obbligo di segnalare per iscritto al Sindaco/Presidente della Provincia la necessità di provvedere agli adempimenti di cui al D.P.R. n.151/2011, se già non adempiuti.

In definitiva, si può ritenere che, come ben sottolineato dall’Avvocatura, <<l’istanza di rilascio del CPI , oggi sotto forma di SCIA, è posta a carico degli Enti Locali, i quali dovrebbero attivarsi anche d’ufficio. Per converso, i Dirigenti Scolastici sono comunque titolari di un generico dovere di sorveglianza sulla sicurezza nell’ambiente scolastico (tra le tante cfr. Cassazione, Sez. III, 28 agosto 1995 n.9047) e dunque devono segnalare all’Ente Locale competente l’eventuale mancanza della certificazione antincendio (cfr. anche l’art.5, DM 29 settembre 1998, n.382).>>.

Alla luce di quanto analizzato sinora, si può concludere che gli Enti proprietari abbiano la responsabilità istituzionale di predisporre urgentemente tutto quanto necessario per rendere le strutture rispondenti ai vigenti obblighi di prevenzione incendi. Limitatamente agli aspetti organizzativi e gestionali, invece, il Dirigente scolastico dovrà provvedere affinché nel corso della gestione non vengano alterate le “condizioni di sicurezza, l’affollamento, il carico d’incendio e le destinazioni d’uso autorizzate e che vengano altresì rispettate le norme di esercizio previste al punto 12 del D.M. 26.8.1992.”.

Il Dirigente scolastico deve quindi svolgere delle attività molto più delicate rispetto a quelle dell’Ente proprietario. Infatti mentre l’Ente proprietario potrà limitarsi a dimostrare di aver ottemperato a quanto prescritto dal D.M. 26 agosto 1992, che è stato bene o male applicato in tutti gli edifici scolastici, nei limiti dei finanziamenti messi a disposizione dalla Stato stesso, il Dirigente scolastico dovrà dimostrare non solo di rispettare le norme di esercizio  di cui al sopracitato punto 12, ma anche di aver analizzato il rischio dovuto ai restanti punti del D.M. 26 agosto 1992, magari non ancora realizzati o completati dall’Ente  proprietario, e di aver quindi valutato e messo in opera le misure compensative che dimostrino la possibilità di mantenere in esercizio l’attività scolastica in ogni edificio esaminato.

Ovviamente, ciò vale per gli edifici scolastici per i quali non sia già stato rilasciato il C.P.I. o non sia ancora stata presentata la domanda di Scia.

 

La documentazione da richiedere all’Ente proprietario.

Il Dirigente scolastico deve richiedere all’E.P. una serie di documenti che gli saranno utili per effettuare la Valutazione del Rischio Incendio residuo; si propone di seguito un elenco ragionato e non esaustivo delle richieste principali:

  1. Relazione con indicazione, per ogni edificio, delle attività che risultano soggette al rilascio del C.P.I., opportunamente integrata con l’indicazione dello stato di avanzamento della pratica di rilascio del C.P.I.
  2. Copia dell’esame progetto antincendio approvato, a suo tempo, dai Vigili del fuoco (predisposto a suo tempo dall’E.P. ai sensi del D.M. 26 agosto 1992) opportunamente corredato da una breve relazione sugli interventi di adeguamento già effettuati e su quelli programmati, con indicazione delle relative misure di prevenzione e protezione antincendio non ancora attuate e per le quali dovranno essere concordate, tra il D.S. e l’E.P., le relative misure compensative temporanee da adottare.
  3. Con riferimento al precedente punto 2, riferito alla documentazione relativa all’esame progetto approvato, copia delle piante di ogni piano, con l’indicazione della destinazione d’uso dei locali, del massimo affollamento, dei dispositivi di protezione antincendio presenti (estintori, idranti, luci di emergenza, centraline di allarme, pulsanti di allarme, rivelatori di fumo e di gas, impianti di estinzione automatici, porte REI, percorsi di esodo, luoghi calmi dinamici e statici, filtri a prova di fumo, scale di esodo, etc.), opportunamente numerati in modo  univoco e corredati dalle tabelle/distinte che sono/saranno date in uso, per contratto, alle ditte che effettuano/effettueranno i controlli periodici e le manutenzioni antincendio.
  4. Con riferimento ai precedenti punti 2 e 3, una relazione sul Piano di Abbattimento delle Barriere Architettoniche (PEBA) riferito all’edificio scolastico e all’area esterna pertinenziale.
  5. Copia del progetto dell’impianto elettrico e delle relative dichiarazioni di conformità/denunce (ai sensi della normativa vigente allorché fu realizzato).
  6. Valutazione del rischio fulminazione (solitamente allegato al progetto dell’impianto elettrico).
  7. Comunicazione dell’attivazione delle verifiche periodiche degli impianti di terra (ai sensi del D.Lg. 462/2001) e dei relativi esiti delle verifiche effettuate nel corso degli anni.
  8. Comunicazione dell’attivazione delle verifiche periodiche dell’impianto elettrico (ai sensi Capitolo 61 della Norma CEI 64-8) e dei relativi esiti delle verifiche effettuate nel corso degli anni.
  9. Denominazione/i della/e ditta/e alla/e quale/i è stata affidata la verifica periodica di controllo degli impianti e dei dispositivi contro l’incendio e breve relazione indicante le verifiche e le manutenzioni che sono tenute a fare per contratto (in alternativa si consiglia di richiedere un estratto del contratto d’appalto, contenente la descrizione delle attività di controllo e di manutenzione che la Ditta è tenuta a fare).
  10. Denominazione/i della/e ditta/e alla/e quale/i è stata affidata la verifica periodica di controllo relativamente all’impianto termico e relativa centrale termica.
  11. Denominazione/i della/e ditta/e alla/e quale/i è stata affidata la verifica periodica di controllo relativamente all’impianto ascensori.
  12. Copia del DUVRI ricognitivo standard che l’Ente proprietario dell’edificio scolastico è tenuto a redigere ed allegare alla documentazione del contratto d’appalto (ai sensi del D.Lg. 81/08 art.26 comma 3 ter.) relativamente a: ditte antincendio, ditta di controllo e conduzione dell’impianto di riscaldamento, ditta del servizio ristorazione, ditta servizio manutenzione impianti dell’edificio, ditta servizio manutenzione aree verdi e esterni, opportunamente integrato con le misure di prevenzione e protezione contro gli incendi.
  13. Copie del certificato di vulnerabilità statica dell’edificio scolastico predisposto dall’Ente Proprietario  o breve relazione relativa alla programmazione degli interventi di monitoraggio e/o miglioramento strutturale che si sono ritenuti necessari, integrato con le indicazioni di massima relative alle misure di esodo da adottare in caso di scosse telluriche.

 

La documentazione da rendere disponibile per i sopralluoghi ispettivi.

I Dirigenti scolastici devono considerare che in caso di sopralluogo ispettivo dei VV.F. non sarà presente alcun tecnico o funzionario dell’Ente proprietario. Probabilmente non sarà presente pure il RSPP. Se poi il sopralluogo avviene in un plesso scolastico distaccato, non sarà presente lo stesso D.S..

Quindi ogni D.S. dovrà istruire in modo adeguato il Docente Referente di ogni Plesso scolastico (individuabile come ‘Dirigente’ o ‘Preposto’, ai sensi del D.Lgs.81/08) e l’Addetto SPP di ogni Plesso scolastico relativamente alla situazione dell’edificio scolastico con riferimento alla normativa di prevenzione incendi e alla presenza delle relative misure compensative per quanto riguarda i punti non ancora ottemperati della normativa stessa.

Anche in questo caso si propone di seguito un elenco ragionato e non esaustivo dei documenti principali, basato sull’esperienza acquisita durante i sopralluoghi effettuati dai VV.F. nelle scuole situate nella Provincia di Torino:

      1. Organigramma delle figure sensibili alla sicurezza (con particolare riferimento agli addetti alla lotta antincendio, all’evacuazione e al salvataggio).
      2. Copia degli attestati di formazione e di aggiornamento delle figure sensibili  alla sicurezza (con particolare riferimento agli addetti alla lotta antincendio, all’evacuazione e al salvataggio).
      3. Documento di Valutazione del Rischio, o suo estratto, con riferimento all’edificio scolastico oggetto di sopralluogo.
      4. Documentazione relativa al C.P.I. (copia del C.P.I. o relazione dell’E.P. in merito allo stato di avanzamento per l’ottenimento del C.P.I.).
      5. Piano di Esodo.
      6. Registro delle prove di esodo (si consiglia la presenza documentata almeno delle prove eseguite negli ultimi tre anni).
      7. Valutazione del Rischio Incendio, riferita all’edificio oggetto di sopralluogo (l’argomento verrà trattato in uno dei punti successivi del presente articolo).
      8. Valutazione del Rischio Esodo, riferito sia agli utenti normodotati che a quelli disabili (l’argomento verrà trattato in uno dei punti successivi del presente articolo).
      9. Registro delle verifiche periodiche dei dispositivi di protezione contro l’incendio e delle opere di manutenzione ordinaria e straordinaria e delle esercitazioni e/o attività di addestramento  (l’argomento verrà trattato in uno dei punti successivi del presente articolo).

 

La valutazione del Rischio Incendio.

La valutazione del rischio incendio può essere effettuata sia seguendo il metodo qualitativo che il metodo quantitativo. L’analisi qualitativa consiste nell’esame sistematico degli eventi (cause di innesco) che potrebbero provocare o contribuire a determinare l’incendio al fine di risalire alle condizioni di sicurezza per mezzo della limitazione e controllo dei rischi senza prendere in considerazione la probabilità di accadimento dell’evento. L’analisi quantitativa, invece, si basa sulla valutazione sia della frequenza che del danno prodotto dall’evento.

Nel caso in esame, riferito alla valutazione del rischio incendio negli edifici scolastici, alla luce di quanto disposto dal D.M. 12 maggio 2016, l’invito a utilizzare il D.M. 26 agosto 1992,  quale riferimento normativo di carattere essenzialmente “deterministico” e “qualitativo”, consente al Dirigente scolastico l’utilizzo di un metodo che si potrebbe definire ‘misto‘, in quanto utilizza appunto scale semiquantitative che prevedono l’analisi oggettiva dei reali pericoli presenti in un istituto scolastico, in relazione non solo all’affollamento atteso, ma anche alla presenza di impianti pericolosi, di sostanze infiammabili, di materiali combustibili, ecc..

Tralasciando la prima fase relativa ai dati descrittivi che dovranno essere inseriti nella prima parte del documento di valutazione (presenze riferite all’anno scolastico in corso; classificazione qualitativa antincendio dell’edificio; caratteristiche generali dell’edificio e dell’area esterna di pertinenza), che possono essere, inoltre, desunti dal Piano di Emergenza e di Esodo, la seconda fase è costituita, seguendo proprio l’ordine cronologico degli aspetti qualitativi analizzati dal D.M. 26 agosto 1992,  dall’analisi del rispetto o meno dei requisiti previsti dalla normativa e dalla successiva valutazione del rischio  latente, con riferimento agli aspetti caratteristici dell’edificio e dell’attività seguenti:

        1. Condizioni di accessibilità e viabilità
        2. Aerazione/ventilazione
        3. Affollamento
        4. Capacità di deflusso
        5. Sistema di vie di uscita
        6. Larghezza delle vie di uscite
        7. Lunghezza delle vie di uscita
        8. Larghezza totale delle uscite di ogni piano
        9. Numero delle uscite
        10. Uscite dalle aule
        11. Ambienti protetti (luoghi sicuri, spazi calmi statici e dinamici)

 

La terza fase prevede l’individuazione degli spazi a rischio specifico, per alcuni dei quali potrebbe essere necessario l’approccio valutativo di tipo quantitativo:

        1. Laboratori
        2. Servizi tecnologici
        3. Depositi
        4. Spazi per l’informazione e le attività parascolastiche
        5. Autorimesse
        6. Mense
        7. Dormitori
        8. Carico di incendio nei vari compartimenti
        9. Macchine, apparecchiature ed attrezzi

Con riferimento alle attività scolastiche, si potrebbero identificare, in alternativa, delle aree caratterizzate  sia dallo stesso rischio specifico che dall’attività omogenea:

I Area didattica normale
  • aule per le lezioni ordinarie
  • aule pre-post scuola
II Area didattica tecnica
  • spazi per esercitazioni
  • laboratori attrezzati
III Area attività collettive
  • Spazi per l’informazione e le attività parascolastiche
  • Spazi per servizi logistici (mensa e dormitorio)
IV Area attività sportive
  • Palestre e locali sportivi in genere
V Area uffici
  • Uffici direzionali (D.S., Vicario, D.S.G.A.)
  • Uffici amministrativi
  • Uffici personale
VI Area deposito
  • Deposito attrezzi pulizie
  • Deposito materiale non combustibile
VII Area archivi a frequenza bassa
  • Archivio principale per materiale combustibile
VIII Area archivi a frequenza medio-alta
  • Archivio secondario per materiale combustibile
IX Area tecnologica
  • Spazi tecnologici (centrale termica, cucina, cabina elettrica, cabina ascensore, etc.)

 

Terminate le prime tre fasi, si può giungere alla quarta fase, caratterizzata dalla valutazione del rischio incendio che dovrà successivamente essere mitigata dalle misure compensative, di tipo tecnico, informativo, formativo e comportamentale, come di seguito indicate:

  • Comportamento al fuoco
  • Reazione al fuoco dei materiali
  • Sezionamenti
  • Impianti elettrici
  • Impianti elettrici di sicurezza
  • Sistemi di allarme
  • Mezzi e impianti fissi di protezione ed estinzione degli incendi
  • Segnaletica
  • Gestione dell’emergenza e pianificazione
  • Squadra di prevenzione incendi
  • Squadra di evacuazione
  • Registro della sicurezza antincendio

 

L’individuazione di tali misure compensative dovrebbe essere stato presentato a suo tempo ai VV.F. dall’Ente proprietario, mediante la consegna di un progetto di adeguamento alla normativa antincendio (esame progetto) che illustrava, con una relazione tecnica e degli elaborati grafici, la fotografia dell’edificio scolastico a lavori di adeguamento ultimati. Ma come è stato comunicato dal MIUR nella presentazione dell’Anagrafe Edilizia Scolastica dello scorso 7 agosto 2015, sono all’incirca solo il 25% dell’intero patrimonio edilizio gli edifici scolastici per i quali è stato rilasciato il CPI o è stata presentata l’istanza di Scia. La maggior parte dei Dirigenti scolastici dovrà allora preoccuparsi di proseguire la valutazione del rischio incendio (quinta fase) individuando le misure compensative non ancora realizzate e, per esse, attivare le ‘misure compensative sostitutive’.

Quest’ultima tipologia di misure compensative non è facilmente individuabile da parte del Dirigente scolastico, senza la collaborazione dell’Ente proprietario e, soprattutto, dei Vigili del Fuoco. Ma la comunicazione del D.S. con l’E.P. e con i VV.F. è notoriamente difficile e limitata. Sarebbe quindi auspicabile che gli stessi Ministeri degli Interni e dell’Istruzione, già latori del D.M. 12 maggio 2016, intervenissero, magari al livello regionale, con l’U.S.R. e la Prefettura, per concordare la redazione delle linee guida da utilizzare per individuare le misure compensative sostitutive condivise anche dagli organi preposti al controllo.

In caso contrario ai Dirigenti scolastici, che devono esercitare la loro attività in edifici non sicuri, non resterebbe che chiudere o chiedere di chiudere tali edifici, come del resto la stessa avvocatura dello Stato, nel già citato parere del 2010, ribadisce: << in presenza di una situazione di pericolo l’attività scolastica non può che essere sospesa, anche a prescindere dal provvedimento del Sindaco riguardante la chiusura o meno dell’immobile>>.

 

La valutazione del Rischio Esodo.

La valutazione del rischio esodo in presenza di disabili per alcuni consulenti o operatori del settore, dovrebbe già essere stata considerata nella valutazione del rischio incendio, a titolo preventivo, e nel piano di emergenza, a titolo protettivo. Ma non si può ignorare il pregevole lavoro che ha fatto proprio il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, che nel primo quinquennio del 2000 ha prodotto una serie di linee guida e di circolari riferite alla valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano (o possano essere) presenti persone disabili:

– Circolare n. 4 del 1 marzo 2002 – Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano (o possano essere) presenti persone disabil

– Il soccorso alle persone disabili: indicazioni per la gestione dell’emergenza – Opuscolo informativo redatto dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile – febbraio 2004.

– Circolare n°880 del 18 agosto 2006 – La sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili: strumento di verifica e di controllo ( check list)

( Le circolati dei VVF)

 

In particolare, l’opuscolo informativo prodotto dal gruppo di lavoro denominato “Sicurezza delle persone disabili” dei Vigili del fuoco individua quelle categorie di disabilità in cui è più comune imbattersi, ovvero:

    • disabilità motorie
    • disabilità sensoriali
    • disabilità cognitive

e segnala, inoltre, la necessità di ricordare che una persona non identificabile come disabile in condizioni ambientali normali, se coinvolta in una situazione di crisi potrebbe non essere in grado di rispondere correttamente, adottando, di fatto, comportamenti tali da configurarsi come condizioni transitorie di disabilità.

 

Il soccorritore deve quindi essere in grado di comprendere i bisogni della persona da aiutare, anche in funzione del tipo di disabilità che questa presenta e deve saper comunicare un primo e rassicurante messaggio in cui siano specificate le azioni basilari da intraprendere per garantire un allontanamento celere e sicuro dalla fonte di pericolo.

 

L’opuscolo informativo descrive gli elementi che possono determinare le criticità in questa fase:

    1. le barriere architettoniche presenti nella struttura edilizia (scale, gradini, passaggi stretti, barriere percettive, ecc.), che limitano o annullano la possibilità di raggiungere un luogo sicuro in modo autonomo;
    2. la mancanza di conoscenze appropriate da parte dei soccorritori e degli addetti alle operazioni di evacuazione, sulle modalità di percezione, orientamento e fruizione degli spazi da parte di questo tipo di persone.

 

La Check list elaborata dai Vigili del Fuoco rappresenta uno strumento operativo utile per produrre la valutazione del rischio esodo, in quanto è finalizzato ad individuare gli elementi significativi per la sicurezza di tutte le persone (ed in particolare di quelle con disabilità) nei luoghi di lavoro, contribuendo a far emergere le condizioni di criticità alle quali contrapporre concrete soluzioni tecniche e gestionali: in essa viene considerata la sequenza delle azioni che dovrebbero essere svolte da ciascun individuo coinvolto in una situazione di emergenza, dal momento in cui viene percepito l’allarme fino al raggiungimento del luogo sicuro.

Domande e soluzioni possibili interessano le seguenti voci:

  1. Percezione dell’allarme
  2. Orientamento durante l’esodo
  3. Mobilità negli spazi interni

C.1. Porte dei locali di lavoro

C.2. Porte installate lungo le vie di uscita ed in corrispondenza delle uscite di sicurezza

C.3. Percorsi orizzontali interni

C.4. Percorsi verticali interni

C.5. Spazio calmo

  1. Mobilità negli spazi esterni

 

Il Registro delle Verifiche Periodiche.

Il D.M. 12 maggio 2016 prescrive il rispetto delle norme di esercizio contenute nel punto n.12 del D.M.26-08-1992, che nella parte iniziale recita:

<<A cura del titolare dell’attività sarà predisposto un registro dei controlli periodici ove saranno annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all’efficienza degli impianti elettrici, dell’illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, delle aree a rischio specifico e dell’osservanza della limitazione dei carichi d’incendio nei vari ambienti dell’attività.

Tale registro sarà mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte dell’autorità competente.>>.

Ma è doveroso segnalare che tale registro non è adottato in modo generalizzato nelle scuole: molti Dirigenti scolastici ritengono sufficiente la presenza del registro prodotto dall’Ente locale e/o i verbali di visita di controllo che vengono loro consegnati dalle Ditte antincendio che hanno acquisito l’appalto dall’Ente locale.

Quanto indicato nel punto 12 del D.M.26-08-1992, circa la predisposizione del registro dei controlli periodici a cura del titolare dell’attività, è stato invero oggetto di modifica e integrazione con l’entrata in vigore del D.M. 10-03-1998, nel quale in ragione ai ‘CONTROLLI E MANUTENZIONE SULLE MISURE DI PROTEZIONE ANTINCENDIO’, di cui all’allegato VI, si distinguono le attività seguenti:

–   SORVEGLIANZA: controllo visivo atto a verificare che le attrezzature e gli impianti antincendio siano nelle normali condizioni operative, siano facilmente accessibili e non presentino danni materiali accertabili tramite esame visivo. La sorveglianza può essere effettuata dal personale normalmente presente nelle aree protette dopo aver ricevuto adeguate istruzioni.

–   CONTROLLO PERIODICO: insieme di operazioni da effettuarsi con frequenza almeno semestrale, per verificare la completa e corretta funzionalità delle attrezzature e degli impianti.

–   MANUTENZIONE: operazione od intervento finalizzato a mantenere in efficienza ed in buono stato le attrezzature e gli impianti.

  • MANUTENZIONE ORDINARIA: operazione che si attua in loco, con strumenti ed attrezzi di uso corrente.

    Essa si limita a riparazioni di lieve entità, abbisognevoli unicamente di minuterie e comporta l’impiego di materiali di consumo di uso corrente o la sostituzione di parti di modesto valore espressamente previste.

–   MANUTENZIONE STRAORDINARIA: intervento di manutenzione che non può essere eseguito in loco o che, pur essendo eseguito in loco, richiede mezzi di particolare importanza oppure attrezzature o strumentazioni particolari o che comporti sostituzioni di intere parti di impianto o la completa revisione o sostituzione di apparecchi per i quali non sia possibile o conveniente la riparazione.

Dalla lettura del D.M. 10-03-1998, pur prendendo atto che la responsabilità della tenuta del registro sopracitato sia in capo al Dirigente Scolastico, nella sua qualità di Datore di Lavoro dell’attività esercitata nell’edificio soggetto alla normativa antincendio, si può pertanto evincere che solo l’attività di sorveglianza debba essere effettuata dal personale interno alla scuola, con nomina di addetti all’antincendio e all’evacuazione, mentre tutte le altre attività dovranno essere effettuate dall’Ente Proprietario dell’edificio, direttamente con il proprio personale dipendente o mediante ditte antincendio in appalto.

Pertanto il Registro delle Verifiche Periodiche dei dispositivi di protezione contro l’incendio dovrà essere compilato non solo dal personale interno dell’Istituzione Scolastica, ma anche dalle Ditte Antincendio in appalto con l’Ente proprietario.

Non esiste un vero e proprio modello ufficiale di Registro delle verifiche periodiche.

Si consiglia in ogni caso di prevedere almeno quattro schede per le verifiche periodiche di sorveglianza a carico della scuola:

  • scheda della verifica della praticabilità delle vie di esodo e dell’usabilità delle uscite di sicurezza; da compilare ogni giorno prima dell’inizio dell’attività scolastica (come espressamente previsto dal D.M.10-03-1998) a cura degli addetti all’evacuazione e al salvataggio;
  • scheda della verifica della presunta efficienza dei dispositivi di protezione contro l’incendio; da compilare ogni 1, 2 o 3 mesi, a seconda della complessità dell’edificio, a  cura degli addetti antincendio;
  • scheda della verifica dei locali a rischio incendio specifico; da compilare ogni 1, 2 o 3 mesi, a seconda della complessità dell’edificio, a  cura degli addetti antincendio e/o del personale individuato come ‘preposto’ presente in ciascun locale a rischio specifico;
  • scheda di verifica a cadenza semestrale della corretta e tempestiva esecuzione sia della sorveglianza a carico del personale interno alla scuola e sia del controllo a carico delle ditte antincendio esterne.

Si consiglia di prevedere alcune schede per registrare le ulteriori attività a carico della scuola:

  • informazione periodica degli utenti e dei dipendenti e iniziale dei nuovi arrivati;
  • formazione iniziale e periodica degli addetti all’evacuazione e all’antincendio
  • prove di esodo effettuate
  • esercitazioni e addestramenti iniziali e periodici

Si consiglia infine di prevedere un adeguato numero di schede per registrare le attività di controllo, di manutenzione ordinaria e straordinaria effettuate dall’Ente proprietario, direttamente o mediante il ricorso ad una o più ditte antincendio esterne incaricate mediante apposita gara d’appalto.

Si conclude segnalando che il Registro delle verifiche periodiche dovrà contenere anche:

  • una sezione anagrafica riportante i dati significativi dell’Istituzione scolastica Azienda;
  • una o più distinte con l’elenco numerato dei dispositivi e degli impianti di protezione contro l’incendio  presenti (con allegata planimetria per la relativa identificazione);
  • elenco dei dispositivi e degli impianti di protezione contro l’incendio sottoposti a controllo, con gli interventi previsti, la periodicità e gli incaricati del servizio;
  • registro cronologico generale di tutti gli interventi effettuati.

 

Conclusione

A conclusione del presente articolo, non può che ritornare prepotentemente a galla l’amara constatazione con la quale era stato chiuso il precedente articolo: con il D.M. del 12 maggio 2016 il legislatore sembra abbia tutta l’intenzione da una parte di confermare la strada della semplificazione e dell’alleggerimento del lavoro ispettivo dei VV.F., già intrapresa con il D.P.R.151/2011, e dall’altra di condonare gli interventi  di adeguamento ancora da effettuare, relegandoli al mero rispetto di una regola tecnica obsoleta non aggiornata con l’attuale tecnologia e con le nuove esigenze delle scuole; i Dirigenti scolastici dovranno, invece, continuare a dirigere e gestire l’attività scolastica in edifici  scolastici che non sono sicuri, mentre gli edifici scolastici si troveranno ad avere una sorta di nuova classificazione implicita: edifici di prima classe o di prima scelta, quelli con CPI e SCIA; edifici di seconda classe o di seconda scelta, quelli con i lavori di adeguamento già completati e in attesa di verifica della regolarità della SCIA o del rilascio del CPI; edifici di terza classe o di terza scelta, quelli per i quali  i lavori di adeguamento non sono stati ancora iniziati  o completati.

Quindi ci si chiede se mentre da una parte gli utenti delle scuole, cioè gli allievi e le loro famiglie, al momento dell’iscrizione al prossimo anno scolastico dovranno imparare a tenere conto anche della sicurezza dell’edificio nella loro scelta dell’Istituzione scolastica, dall’altra parte gli Enti proprietari potranno continuare a beneficiare ancora impunemente di ulteriori proroghe statali della scadenza degli adempimenti della normativa antincendio.

 

 

Ing. Paolo Pieri

 


IL DVR vale la spesa sostenuta per la sua redazione?

 

Un manuale  prodotto dall’ULSS 9 di Treviso ricorda che un documento di valutazione dei rischi non deve essere un esercizio di stile,  deve valere la spesa sostenuta, evitare parole inutili e puntare a definire i problemi di sicurezza e le soluzioni.

Treviso, 02 Ago – Uno dei principali rischi per la  valutazione dei rischi realizzata nei luoghi di lavoro è quello di nascere e svilupparsi sono come adempimento burocratico, come adempimento che guarda alla conformità normativa e non all’aderenza sostanziale ai concreti rischi lavorativi.

Per cercare di riflettere sul rapporto tra questa colonna portante del sistema prevenzionale, la valutazione del rischio, e il nostro concetto  di “burocrazia”, torniamo oggi a sfogliare un capitolo (“Burocrazia e valutazione dei rischi”) del “ Manuale di autodifesa del datore di lavoro”, un documento elaborato dal Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro (SPISAL) dell’ Azienda ULSS 9 di Treviso. Un documento che, come abbiamo già raccontato, nasce dal disagio che lo SPISAL prova quando deve “adottare i provvedimenti sanzionatori previsti dalla normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro nei confronti di imprenditori che, in assoluta buona fede, pensavano di aver fatto tutto ciò che è necessario affidandosi a persone esperte, investendo risorse economiche anche notevoli senza ottenere i risultati attesi”.

Nel primo articolo di presentazione del manuale abbiamo approfondito quattro importanti affermazioni dello SPISAL:

– la valutazione dei rischi e la conseguente elaborazione del documento non sono burocrazia”;

– il documento diventa burocrazia quando lo si interpreta come “adempimento burocratico”;

– il documento di valutazione dei rischi non “serve” allo SPISAL (il documento di valutazione dei rischi “dovrebbe essere il modo corrente di gestire la sicurezza”, quindi deve “servire al datore di lavoro” e non allo SPISAL).

 

Un’altra affermazione decisa, che nasce dalle esperienze di vigilanza e dalle criticità riscontrate, è che il documento di valutazione dei rischinon è ‘un esercizio di stile’. Chi lo scrive non è il legislatore”.

 

Lo SPISAL indica infatti che “spesso chi scrive i documenti, che dovrebbero essere l’esplicitazione della valutazione, si esprime con elaborate previsioni omnicomprensive e con prescrizioni generiche applicabili a svariate situazioni (a volte sono le stesse degli articoli del DLgs 81/08)”.

Ma se il legislatore si esprime in modo generico, “è giustificato dal fatto che espone una regola o un concetto che deve poi essere applicato in svariate realtà; chi decide le misure di prevenzione da utilizzare in un ambiente aziendale, ben individuato e caratterizzato per il tipo di lavorazione svolta, non può essere generico nei contenuti”.

 

Dunque non ha senso utilizzare nel DVR un linguaggio normativo, generico: ad esempio la legge può dire “che si adotteranno DPI idonei perché non elenca in modo esaustivo tutte le situazioni ma il datore di lavoro deve confrontare i rischi (quelli residui, dopo aver adottato le protezioni collettive) presenti nella sua azienda con le caratteristiche delle varie tipologie di DPI e poi deve individuare quelli idonei e adeguati per ciascuna situazione, caratterizzandoli secondo i criteri di marcatura CE in modo che sia poi facile acquistare quelli ‘giusti’”.

 

E sempre riguardo al modo di scrivere la valutazione, si sottolinea che è dunque inutile “riportare nel documento di valutazione dei rischi quello che dice la legge”.

 

Riportare, anche quando non necessario, pedissequamente la normativa non solo è inutile, ma “comporta uno spreco di carta ed è dannoso perché riduce la fruibilità del documento che deve essere snello, agevole e facile da usare. Purtroppo, la proliferazione di pagine di questo tipo spesso serve soltanto a giustificare il costo di un documento che non vale ciò che viene fatto pagare al datore di lavoro”.

 

Un altro modo per snellire questi monumenti di carta è quello di evitare di “riportare in dettaglio nel documento di valutazione dei rischi il metodo di valutazione se questo è contenuto in una norma o in una linea guida validata”.

Differentemente il metodo “deve essere descritto, anche in dettaglio, se non in qualche modo ‘validato’ poiché il datore di lavoro ha l’onere di dimostrarne l’idoneità allo scopo”.

A questo proposito lo SPISAL ricorda le definizioni di norma tecnica, buona prassi, linea guida contenute nell‘art. 2 comma 1 – lett. u), v) e z) – del D.Lgs. 81/2008.

 

Infine, e torniamo al problema del costo della valutazione, riprendiamo un’altra frase significativa: il documento di valutazione dei rischideve essere utile per il datore di lavoro e deve ‘valere’ la spesa sostenuta per la sua redazione”.

 

Con riferimento a quanto indica l’articolo 28 del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008), il documento di valutazione deve essere redatto con criteri di ‘semplicità, brevità e comprensibilità in modo da garantirne la completezza e l’idoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione’.

 

Il manuale ammette che può non sembrare facile “essere contemporaneamente semplici, brevi, comprensibili e anche completi; ciò vuol dire, in primo luogo, evitare giri di parole inutili e puntare a definire in modo chiaro i problemi di sicurezza e le soluzioni”.

 

In questo senso “un lavoro ben fatto può richiedere impegno (e quindi spesa) ma la validità del prodotto consiste nell’utilità che ne trae il datore di lavoro; se non ricava indicazioni pratiche e utili per gestire la prevenzione, probabilmente dovrebbe chiedersi se il prodotto che acquista vale la spesa; sarebbe opportuno contrattare prima, con i consulenti, quello che si vuole avere e cioè uno strumento operativo con indicazioni precise e tecnicamente corrette che entrino nel merito dei problemi aziendali”.

 

A questo proposito lo SPISAL conclude ricordando che “se la produzione del documento e l’effettuazione della valutazione dei rischi vengono gestite in questo modo, il datore di lavoro ben presto ‘scoprirà’ che non può estraniarsi dal processo ma dovrà affrontarlo con continuità assieme ai suoi collaboratori”.

 

Per concludere, segnaliamo che in un prossimo articolo, sempre dedicato alla presentazione del manuale, affronteremo un ulteriore tema delicato: la necessità che la sicurezza non sia considerata un costo per le aziende, ma un investimento.

 

Tiziano Menduto